mercoledì 15 gennaio 2014

Gabriel Garko e il prezzo del successo: "Mi hanno sabotato l'auto e inseguito coi forconi"





“Uno dei primi episodi risale a molto tempo fa. Mi sabotarono l’auto". A parlare Gabriel Garko, che spiega in un'intervista al "Corriere.it" i problemi derivanti dalla notorietà: "Io stavo guidando di sera, stavo andando vicino Napoli per lavoro - ha raccontato - A un certo punto andò in tilt l’impianto elettrico: si spensero tutte le luci e, siccome proprio in quel momento ero su una curva, non potendo più vedere assolutamente niente, andai fuori strada: per fortuna riportai solo qualche contusione, niente di grave. Lì per lì pensai a un guasto dell’auto, ma poi si scoprì che l’impianto era stato messo fuori uso ad arte“.
Non sono mancate le lettere di minaccia ("Non erano scritte al computer o a macchina ma proprio con le lettere ritagliate dei giornali… come si faceva un tempo! All’inizio non mi arrivavano a casa, ma nell’ufficio di produzione, quindi stavo piuttosto tranquillo, poi una sera è avvenuto il peggio"), e i faccia a faccia: " Ero rientrato tardi, varco il cancello della mia abitazione e all’improvviso degli uomini armati di pale cominciano a battere sugli sportelli, sui vetri per tirarmi fuori. La prima botta era talmente forte che ho pensato a uno sparo di pistola… Sono rimasto intronato per un attimo, poi ho cominciato a fare avanti e indietro per trovare una via di fuga, ero disorientato, non sapevo più neanche io cosa stavo facendo. Sarà stata mezzanotte, mi diressi subito dai carabinieri di zona".
Anche le ammiratrici non sono state da meno: "Una donna mi perseguitava perché voleva un figlio da me e un’altra, una russa, mi ha pedinato fino a poco tempo fa e lo sa perché? Si è fissata che vuole il mio sperma!"

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari

Google+ Followers