mercoledì 7 maggio 2014

Miss Italia si rinnova, da quest'anno possono partecipare anche le over 30



Nel settantacinquesimo anno di età Miss Italia si rinnova ancora: quest’anno la più bella d’Italia potrebbe essere una concorrente di 30 anni. Il concorso, infatti, ammetterà l’iscrizione alle selezioni di candidate che compiranno i 30 anni entro il 31 dicembre 2014.
L’apertura alle trentenni è un altro capovolgimento delle regole del concorso che arriva dopo l’ammissione alle selezioni delle ragazze residenti in Italia e nate da genitori stranieri. 
L’età minima rimane invece immutata: 18 anni da compiersi entro il 25 agosto di quest’anno.  Commenta Patrizia Mirigliani: «Aumentare l’età a una soglia che sembrava impossibile fino a poco tempo fa lo ritengo un atto dovuto, considerando il cambiamento fisiologico e statistico dell’età femminile. E’ una nuova apertura e una gratificazione, come un “30 e lode” alla bellezza consapevole. Giuria e telespettatori potranno valutare questo confronto tra diciottenni e trentenni soprattutto nelle finali tv su La7, il prossimo 14 settembre a Jesolo. E’ indiscutibile che oggi la donna di trent’anni rappresenti la ventenne di ieri e Miss Italia non può che prenderne atto. Non esiste, al momento, un concorso - tra quelli più importanti accreditati e riconosciuti a livello internazionale - che ammetta le trentenni. La manifestazione di Patrizia Mirigliani, quindi, apre le porte per prima a una generazione di circa 300.000 donne di 30 anni d’età. La Miss Italia eletta oggi ha un ruolo che comporta una serie di impegni sociali ben lontani da quelli di alcuni anni fa, e l’età - insieme ad altri aspetti – potrebbe avere un ruolo importante. 
Francesco Alberoni, dal punto di vista sociologico, avanza una proposta, andando oltre: «Escluderei le miss di 18 e 19 anni addirittura a livello internazionale. Ogni epoca ha la sua bellezza. La donna era bella a 18 anni secoli fa, oggi l’età media femminile è salita a 84,5 anni e, secondo me, in una gara di bellezza come Miss Italia, le diciottenni, spesso non mature per il ruolo, sono fuori gioco. Tanti anni fa a 40 anni la donna era considerata già vecchia. Ma ora si è belle anche a 40, 50 anni, e le diciottenni dovrebbero mettersi da parte. Consiglio alla Mirigliani di fissare l’arco di età tra i 20 e i 30 anni».
Vittorio Sgarbi, condividendo l’iniziativa, commenta: «In un momento come questo è giusto offrire a tante ragazze una opportunità in più ampliando l’età. Da Miss Italia escono ancora oggi, come tanti anni fa, attrici di valore e personaggi che si impongono nello spettacolo. Il concorso è un serio mezzo per avviarsi verso il mondo del lavoro, e più ragazze possono parteciparvi, meglio è». 
Anna Kanakis: «Miss Italia a 30 anni è una svolta che approvo: è l'età della consapevolezza. Che permette di afferrare la vita con gli artigli del ''merito''. Parola di una baby-miss che ha lavorato tanto per affermarsi rinunciando alla propria adolescenza”. 
Conclude Nadia Bengala, l’unica Miss Italia, eletta nel 1988, alla passata età del limite dei 26 anni: «la decisione dei 30 anni sbloccherà psicologicamente tante donne. Finora è avvenuto che, con il ‘tetto’ precedente dei 26, chi voleva partecipare al concorso correva il rischio di passare come una “vecchia” in mezzo alle giovanissime. Ora non più”. 
Nelle curiosità sull’età di Miss Italia, Tania Zamparo aveva 25 anni, dieci in più di Anna Kanakis, Miss nel 1977, e di Susanna Huckstep (1984): con i loro 15 anni sono le più giovani Miss Italia della storia. L’ultima minorenne del concorso è Daniela Ferolla, 17 anni all’epoca della sua vittoria nel 2001. Le nuove regole di Patrizia Mirigliani hanno poi dato la svolta: le ragazze sotto i 18 anni non possono apparire in tv né, quindi, vincere il titolo.  Tra le “appena maggiorenni”, Cristina Chiabotto aveva compiuto 18 anni proprio a Salsomaggiore appena dopo la sua elezione nel 2004.

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari

Google+ Followers