giovedì 12 febbraio 2015

Milan, attento: non solo il Manchester United, anche la Juve punta De Jong

Non c'è solo il Manchester United dietro al mancato rinnovo di Nigel De Jong col Milan. Ci sarebbero anche Massimiliano Allegri e la Juventus pronte a giugno a piazzare un colpo a parametro zero, come successe con Andrea Pirlo. Il più grande rimpianto rossonero di questi anni senza vittorie.
 


L'olandese per restare a Milano chiede un triennale da 3,5 milioni di euro a stagione. Cifra che Casa Milan non è disposta a concedere senza la garanzia di poter giocare in Champions League. Oggi Adriano Galliani è arrivato ad offrire un biennale da 2,5 milioni all'anno. Offerta ritenuta dall'entourage del nazionale Orange troppo bassa. Ecco perché l'ex City si starebbe guardando in giro, fuori dall'Italia, ma non solo. In Inghilterra sono convinti che l'obiettivo di Van Gaal per il centrocampo sia cambiato (Paul Pogba il primo nome sulla lista, seguito da Radja Nainggolan) e non sia più De Jong.
Allegri sulla panchina dei campioni d'Italia già gennaio voleva Pazzini (in scadenza a giugno) e adesso punta diritto a De Jong in estate per un ruolo di vice-Pirlo anche se con caratteristiche (e qualità) diverse. Un giocatore che potrebbe far rifiatare Andrea, costretto a tirare sempre la carretta. Il Milan è pronto a lasciarlo per ripartire (se possibile) dai giovani promettenti come l'atalantino Daniele Baselli, il candidato numero uno per sostituire l'olandese.
Di certo se si dovesse concretizzare un De Jong in bianconero, sarebbe un altro “sgarbo” a Casa Milan da parte della Vecchia Signora dopo le accese polemiche in settimana tra Galliani e Agnelli a suon di comunicati e repliche per il (non) fuorigioco di Tevez che sfoceranno in una pace armata venerdì in Lega Calcio quando si comincerà a parlare di auto-produzione delle immagini con registi indipendenti. Mercato, campo e moviola: Juve-Milan non finisce mai.

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari

Google+ Followers