lunedì 12 settembre 2016

Misano, Valentino Rossi è super ma non basta, a sorpresa vince Pedrosa

Lo spagnolo Dani Pedrosa su Honda vince il Gran Premio di Misano, sorprendendo tutti con una gara in rimonta e ad altissima andatura, oltretutto con l'azzardo di una gomma anteriore più morbida delle due Yamaha. Valentino Rossi, in testa fino a sette giri dal termine non ha potuto arginare la rimonta dello spagnolo, capace di superare nell'ordine il suo compagno di squadra Marc Marquez , giunto quarto, e Jorge Lorenzo, terzo al traguardo.


«Il secondo posto è un peccato, è una gara speciale e volevo vincere». Questo il primo commento di Di un Valentino Rossi forse già informato del record storico di presenze del circuito di Misano, 101 mila presenze oggi e un totale di oltre 158 mila in tutto il Week end.
Partito dalla seconda posizione con gomme medie all'anteriore e al posteriore, come il poleman Lorenzo, Rossi alla partenza si mette immediatamente all'inseguimento di Jorge e al secondo giro inventa va in testa alla curva del vecchio carro, con la complicità di Lorenzo che allarga colpevolmente la traiettoria. Vinales resta in terza posizione, ma nei suoi scarichi arriva Marquez, che lo supera alla tornata successiva dopo un contatto più che ravvicinato. Lo spagnolo della Suzuki perde due posizioni ed è ora quinto dietro anche a Dovizioso. Anche Pedrosa passa Vinales, dimostrando così che la sua particolarissima scelta della gomma morbida all'anteriore premia il pilota Honda fin da subito. Questa è la fase migliore per Rossi, che tenta la fuga e guadagna fino ad un secondo di vantaggio su Lorenzo mentre Pedrosa al quarto giro passa anche Dovizioso e si ritrova quarto.
Dal nono giro è il momento di Marquez, poco più di due decimi separano Lorenzo, ma la lotta per la seconda posizione tra i due non si innesca mai. Marc nell'arco di tre tornate perde ritmo, non aggancia affatto il maiorchino e addirittura subisce al 12.mo guro un sorpasso che ha del clamoroso da parte di dai Pedrosa, feroce come mai in una guida pulita ed efficace che lo porta fino al crono record di 1'33.004. Dani è terzo, ma non basta. Pedrosa aggancia e sorpassa Lorenzo con facilità disarmante al 16.mo giro , per poi puntare diretto al leader della corsa. Valentino Rossi vede scendere progressivamente il suo vantaggio in testa, implacabilmente. A sette giri inizia un duello senza via di scampo per Rossi, e Pedrosa va in testa. Dove resta, nonostante il pesarese per almeno due tornate tenti di contenere il ritardo entro i cinque decimi. Dani non sbaglia, probabilmente centra la sua miglior gara in carriera, ma a Misano. Dunque, per oltre 100 spettatori, nel posto sbagliato.

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari

Google+ Followers