giovedì 10 novembre 2016

Conchita dopo la barba anche i peli sul petto

Tom Neuwirth, alias Conchita Wurst ha sempre fatto un vanto di fregarsene delle critiche. Il suo nome d’arte Wurst, in Germania e in Austria, significa “non me ne importa niente”. Il suo trionfo all’Eurovision Song Contest nel 2014 e il conseguente successo planetario è legato a una bella storia di riscatto dai pregiudizi e al riconoscimento dei diritti umani più elementari.


La barba sfoggiata insieme al look iperfemminile è diventata il simbolo del suo personaggio. Maschio gay nella vita e femmina sul palco, ha sempre dichiarato. Ma Wurst ha evidentemente deciso di spingersi oltre.
Fan delle scollature profonde che pochissime donne osano sfoggiare, Conchita Wurst all’ultimo evento di Berlino si è presentata avvolta in una sofisticata vestaglia a righe, della collezione estiva di Jean Paul Gaultier. Cintura nera in vita e senza niente sotto, Conchita ha mostrato con nonchalance i peli sul petto. Peli che in realtà ultimamente sono ben visibili nei suoi profili social.
Stanca della depilazione che tortura milioni di donne al mondo o ennesima provocazione della “drag queen con la barba“? Alla barba abbiamo già fatto l’abitudine, con i peli sul petto iniziamo a storcere il naso. Che dire delle gambe? Per fortuna, Conchita Wurst ha avuto la decenza di indossare un pantalone. Per conoscere le sue intenzioni tricologiche bisognerà aspettare… il prossimo evento.

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari